Serve aiuto? Contattaci
Concessionaria Fimauto Autogemelli

Gruppo BMW, verso il futuro con prudenza

Il gruppo BMW sta affrontando la transizione elettrica senza squilli di tromba, con un atteggiamento improntato alla prudenza e al pragmatismo: sono stati fissati obiettivi ambiziosi ma impostati su un contesto operativo che, per ammissione dell'amministratore delegato Oliver Zipse, presenta ancora molti fattori di freno. 

Il treno è partito. Come affermato anche recentemente dal numero uno della filiale italiana, Massimiliano Di Silvestre, “il treno dell'elettrificazione è partito e non si fermerà più” nonostante una serie di variabili esogene. Le ha indicate più volte Zipse, nella sua veste di presidente dell'Acea: per esempio, l'assenza di un'adeguata infrastruttura di ricarica, una politica troppo impostata su divieti e restrizioni e le conseguenze di un'eccessiva accelerazione nel bandire le endotermiche. In ogni caso, il gruppo si dice pronto a qualsiasi evenienza. "Saremo pronti alla messa al bando del motore termico, non ne siamo spaventati”, ha affermato il manager tedesco. "Se sia o meno una buona idea è un'altra questione, ma noi avremo un'offerta di prodotto adeguata”. E, soprattutto, ‘tagliata' sulle esigenze dei clienti e dei mercati. 

Gli obiettivi. Dunque, la Casa bavarese sarà pronta a eventuali bandi dell'endotermico a partire già dal 2030, cinque anni prima rispetto a quanto proposto dalla Commissione europea, ma per ora non ha comunicato nessun addio o indicato scadenze particolari per i suoi motori a combustione. Lo dimostra anche la decisione di sviluppare una nuova generazione di benzina e diesel, a sei cilindri e otto cilindri, di puntare per ora su piattaforme "multi-energy" e non su specifiche architetture solo elettriche (la piattaforma dedicata Neue Klasse arriverà verso il 2025) e di valutare anche le potenzialità dell'idrogeno. Dunque, nessun annuncio ai quattro venti, ma obiettivi da raggiungere con un approccio multitecnologico e grazie a 30 miliardi di euro di investimenti: per il 2030, il gruppo punta ad aumentare fino al 50% il peso delle elettriche sulle vendite totali e di adeguare l'offerta alle preferenze dei mercati e a eventuali limitazioni e vincoli normativi. 

Le inglesi. Non mancano tappe intermedie. Entro il 2023, saranno offerti 25 modelli elettrificati, di cui 13 a batteria, per arrivare nel 2025 a un immatricolato totale di circa 2 milioni di automobili elettriche pure, che salirà a 10 milioni entro il 2030: anche per sostenere le strategie di ibridazione, finora non è stato annunciato nessun addio alle endotermiche, quantomeno per il brand BMW. Diversa la situazione per la Mini. Il marchio britannico presenterà il suo ultimo modello a combustione interna nel 2025, negli anni successivi lancerà solo veicoli a batteria e dai primi anni del prossimo decennio avrà in gamma solo Ev. Analogo futuro è stato delineato per la Rolls-Royce. La Casa di Goodwood intraprenderà la strada della mobilità elettrica nel 2023 con il lancio della sua prima auto a batteria, la Spectre, e, dal 2030, la gamma sarà composta esclusivamente da modelli a emissioni zero. 




Fimauto Concessionaria Fimauto Autogemelli


Sei interessato a quest'offerta?
Contattaci


Compila i dati con:








I contenuti correlati