Serve aiuto? Contattaci
Concessionaria Fimauto Autogemelli

La storia di Sua Maestà di Baviera, il V12 - FOTO GALLERY

Sono passati 35 anni dall'esordio della BMW 750i del 1987, la prima auto tedesca a montare un V12 in epoca moderna. Distinguibile dalle altre versioni dell'ammiraglia grazie a una mascherina più larga e a terminali di scarico dalla forma rettangolare, quest'auto porta all'epoca al debutto il celebre motore M70 della Casa di Monaco, la cui elettronica (estremamente moderna per l'epoca) viene governata da due centraline, una per ciascuna bancata del propulsore. Questa nobile architettura diventerà appannaggio dei modelli più esclusivi della Casa, rappresentando il non plus ultra della gamma di tutte le generazioni della Serie 7 prodotte da allora, oltre all'originale Serie 8 dai fari a scomparsa (E31) e a diverse Rolls-Royce, il cui marchio, com'è noto, fa oggi parte dell'universo BMW. Ma se il prossimo capitolo dell'ammiraglia bavarese vedrà addirittura l'esordio di una variante elettrica, il V12 sembra ormai arrivato al capolinea nella gamma dell'Elica, tanto da essere prevista in Nord America una final edition che in estate ne celebrerà il pensionamento. Com'è facile intuire, si tratta di un sofferto addio imposto dalle nuove sfide della mobilità, che impongono motori più efficienti ed elettrificati, sacrificando nobili architetture come quella finora montata sull'ammiraglia di Monaco e di cui ripercorriamo la storia nella nostra galleria d'immagini.




Fimauto Concessionaria Fimauto Autogemelli


Sei interessato a quest'offerta?
Contattaci


Compila i dati con:








I contenuti correlati